Commentare obiettivamente e a posteriori una gara come quella di ieri per chi vive a stretto contatto con squadra, tecnici e società non è mai facile, ma cercheremo di farlo nonostante delusione e preoccupazione stiano germogliando a seguito delle ultime prestazioni purtroppo negative.

Un dato è certo e  sotto gli occhi di tutti…la squadra è in difficoltà e dopo la gara vittoriosa con il Santa Teresa ha imboccato un pendio per nulla rassicurante. Tre sconfitte consecutive di cui due con zero set vinti, cosa mai successa in tutto il girone di andata, sono un campanello d’ allarme che risuona forte nelle teste di tutti coloro che amano e seguono questa squadra. Volutamente non faremo una cronaca della gara di ieri, sinceramente c’è davvero poco da commentare con le isernine sempre in affanno contro un cinico e ottimo Arzano, un tre a zero così netto che offre poche considerazioni da fare se non solo negative. Percentuali di ricezione e attacco pesantemente deficitarie, battuta assolutamente poco efficace, una squadra incapace o quasi di reagire ed imporre il suo gioco con la sola capitana Carlozzi con score salvabile…il resto buio pesto.

Quella squadra arrembante, indomita che anche nelle giornate negative tirava fuori gli artigli e risorgeva e’, in questo girone di ritorno, svanita e bisognerebbe capirne le ragioni.

Non è abitudine di chi scrive fare analisi inquisitorie circa quando sta accadendo, ma la squadra vista ieri è parsa svuotata di qualsiasi energia fisica e mentale e questo preoccupa non poco.

Sicuramente le condizioni fisiche precarie di alcuni elementi, in particolar modo delle due palleggiatrice, condizionano il lavoro settimanale in palestra ma non può essere solo questo il motivo di un appannamento così evidente. La squadra ha perso gioco e sicurezze, solo a tratti si vede la determinazione ed il gioco della prima parte del torneo e questo non basta più a far si che la ragazze blufucsia riescano a stare sempre in partita. Ieri forse il punto più basso di questo cammino, contro l’ Arzano si è vista una Europea 92 praticamente inerme e disorientata con la Miotti claudicante in campo e tanta sofferenza in ricezione con ben 12 ace a favore delle campane. Tutto ciò fa rabbia, delusione, tristezza perché sappiamo che queste ragazze valgono molto di più di ciò che hanno dimostrato in queste ultime gare.

Non servono processi o colpevoli da mettere sul banco degli imputati ma il lavoro di dirigenti, tecnici e atlete per ritrovare la vecchia anima di una Europea 92 che è  ben altra cosa rispetto a quanto visto nelle ultime settimane.

La classifica è solo apparentemente tranquilla, forse qualcuno potrebbe sorridere a tale osservazione, ma l’ obiettivo salvezza, che era il primo target preventivato ad inizio stagione, e’ tutto da conquistare e non ingannino i 10 punti che oggi abbiamo di vantaggio sul Palmi attualmente ultimo in classifica, primo perché abbiamo una gara in più rispetto alle calabresi, secondo perché si giocherà da loro il ritorno e ciò che oggi appare come un ampio margine di sicurezza potrebbe mostrare ben altra faccia tra qualche settimana considerando anche l’ attuale momento che sta attraversando il sestetto isernino.

Noi restiamo fiduciosi perché queste ragazze hanno carattere, spessore tecnico e umano da vendere, così come abbiamo fiducia nei tecnici. Bisogna far quadrato per uscire tutti insieme dal pantano dove ci siamo cacciati, processi e colpevoli non servono. Serve il lavoro, l’ unione ed il remare insieme per mettere al più presto al sicuro la permanenza nella B1 e perché no, tornare a risalire  qualche posizione in classifica con la squadra sfacciata e tosta di qualche tempo fa. Queste ragazze possono farlo chissà,  forse, già sabato prossimo contro una ostica e ottima Crai Radenza Modica.

Sette gare da giocare come sette finali, le isernine possono farcela e sono certo che Capitan Carlozzi, come ha fatto egregiamente fino ad oggi, e’ pronta a spronare e a darci insieme alle sue compagne altre soddisfazioni perché questo gruppo lo merita.

In conclusione consentiteci di inviare un augurio di pronta guarigione a Denise Meli, giocatrice del Volleyro’ Casal De Pazzi, che ieri ha subito un gravissimo  infortunio (rottura tibia e perone) nella gara contro il Modica.

LUVO BARATTOLI ARZANO-EUROPEA 92 ISERNIA 3-0 (25-15/25-17/25-16)

Arzano: Coppola 2, Campolo 11, Postiglione 11, Zonta 11, Aquino 8, Passante 15, Guida (L), Piscopo V. 1- Ne: Battaglia, Mautone, Bianco, Putignano. Eli.: Piscopo A.

Europea 92 Isernia: Miotti 1, Alikaj 8, Modestino 2, Carlozzi 12, Delfino 2, Ragone 6, Boffa (L), Babatunde 2, Guarino- Ne: Simeone. All. Montemurro

Arzano: battute vincenti 12, battute sbagliate 11, muri 7 – Isernia: battute vincenti 0, battute sbagliate 3, muri 9

Arbitri: Gasparini ed Azzolina (Roma)

RISULTATI DELLA 17° GIORNATA

GiòVolley Aprilia-Santa Teresa 3-1

Fiamma Torrese-Pvg Bari 3-0

Ferraro Lamezia-Expert Palmi 3-0

Luvo Barattoli Arzano-Europea 92 Isernia 3-0

Crai Radenza Modica-Volleyro’ Casal De Pazzi 3-0

Riposano: Libera Cerignola e Assitec 2000 Sant’Elia

LA CLASSIFICA

Gio’volley Aprilia 36, Fiamma Torrese 31, Luvo Barattoli Arzano 27, Libera Cerignola 24, Crai Radenza Modica 24, Santa Teresa 23, Europea 92 Isernia 21, Volleyro’ Casal De Pazzi 20, Assitec 2000 Sant’ Elia 15, Pvg Bari 13, Ferraro Lamezia 13, Expert Volley Palmi 11