È  passato il primo mese di lavoro in casa Europea 92 Isernia, un mese intenso, duro al termine del quale possiamo esprimere qualche primo parziale giudizio sulla squadra che si appresta ad affrontare questa nuova stagione.

Possiamo dirlo senza alcun timore…la squadra c’è, ma il lavoro da fare per Montemurro è tanto.

Ci sono certezze e tante situazioni da analizzare e sviluppare e sul piano tattico e sul piano delle potenzialità delle singole atlete. Tanti dettagli da correggere e perfezionare ma ci sono  anche alcuni aspetti gia consolidati che lasciano ben sperare per il futuro. Sicuramente l’Europea 92 Isernia è un cantiere in piena attività nonostante la situazione palazzetto crei non pochi problemi  a livello organizzativo per la squadra isernina costretta ad allenarsi spostandosi anche in quel Di Bojano per svolgere alcune sedute in quello che potrebbe essere il campo di gara per le prime giornate casalinghe delle isernine. Questo certo non  facilita il lavoro delle pentre ma bisogna far di necessità virtù.

Intanto in questo lasso di preparazione pre-campionato le blufucsia hanno avuto modo di effettuare due gare amichevoli rispettivamente con Benevento (B2) e Sant’Elia Fiumerapido (B1) che al di là del risultato,vittoria con le campane e sconfitta con le lazuali, hanno dato segnali allo staff tecnico su dove intervenire per migliorare le performance delle ragazze allenate da tuo Montemurro-Kroumov. La certezza e la parola d’ordine e’ una sola: lavoro…lavoro e lavoro.

Lo staff tecnico è una garanzia ormai consolidata, le ragazze sono volenterose, ben disposte al sacrificio e pronte a dare sempre il massimo. Su queste basi si può pensare in maniera  positiva sapendo che sarà un campionato durissimo, difficile e logorante dove servirà dare  tutto per affrontare avversari ostici e ben attrezzati.

 

Ilaria Barbaro (Foto Cesare Di Bucci)